life & business coaching:
facilitazione dello sviluppo del potenziale

 

“L’avversario che si nasconde nella nostra mente è più forte di quello dall’altra parte della rete”

Timothy Gallway

 

Cos’è il coaching?

questa pratica acquisisce popolarità negli anni ‘70 in ambito sportivo quando Timothy Gallwey pubblica ‘The Inner Game of Tennis’.
L’autore descrive una metodologia orientata ad eliminare gli ostacoli interni della mente e favorire lo sviluppo del potenziale dell’atleta.
Grazie al contributo di John Whitmore, in seguito il coaching diventa di interesse crescente anche all’interno delle Organizzazioni.
Il metodo ‘GROW’ sviluppato da Whitmore e collaboratori aiuta professionisti e manager ad effettuare una definizione accurata di obiettivi di sviluppo, un’analisi del contesto e delle opportunità concrete per realizzarli.
Oggi il coaching ha espanso le proprie aree di intervento anche ai privati: attraverso lo sviluppo del life, psychological (o coaching psicologico), mental, career ed altre forme di coaching.

Come funziona il coaching?

Integrando l’esperienza che ho maturato dal 2002 con i privati e quella sviluppata in ambito organizzativo, ho plasmato un mio personale approccio di coaching centrato sulla persona.
Nelle vesti di coach mi propongo di agire come facilitatore del cambiamento.
Credo che ogni persona sia unica ed abbia delle esigenze uniche e che ogni incontro tra le persone abbia la propria unicità.
La prima abilità del coach risiede nel riconoscere, rispettare e contribuire a valorizzare tale unicità.
Sulla base di questa unicità è compito del coach creare quelle condizioni di alleanza di lavoro ,
attraverso la quale sarà possibile facilitare il coachee nel raggiungere gli obiettivi di sviluppo personali / professionali concordati.
La creazione delle condizioni facilitanti e la costante cura del clima facilitante da parte del coach durante ciascuna fase del percorso, garantiscono l’efficacia dell’intervento.
La capacità del coach di adattare il proprio stile di facilitazione alle specifiche esigenze del coachee che emergono in ciascun incontro,
facilita il coachee nell’esplorazione delle risorse individuali, nella rimozione degli ostacoli situazionali e nell’attualizzazione del potenziale.

> all’inizio del percorso di coaching definisco con la persona uno o più gli obiettivi di sviluppo personale / professionale rispetto ai quali mi adopererò al meglio come facilitatore del cambiamento;
assieme al coachee definiamo inoltre la durata del percorso, che potrà in seguito essere ricalibrata a seconda delle esigenze che emergeranno in corso d’opera;

> durante il percorso, verifico periodicamente assieme al coachee l’efficacia del percorso stesso e della relazione coach – coachee
e quali benefici sta portando nello specifico rispetto alle esigenze emerse e gli obiettivi concordati

> alla fine del percorso, verifico assieme alla persona quanto è riuscita ad attualizzare il proprio potenziale rispetto agli obiettivi concordati
e quanto è in grado di continuare nel proprio percorso in autonomia agendo come facilitatore di se stessa

la mia esperienza

Integrando l’esperienza maturata dal 2002 come psicologo psicoterapeuta con i privati e quella sviluppata lavorando per le più importanti realtà organizzative nazionali/ internazionali, offro servizi di: Psychological, Mental, Life, Career,  Business Coaching. 

Nel mio caso si tratta di scegliere il professionista non il servizio!


chiama ora per richiedere una prima consulenza in presenza o via Skype